LA MIA LEGGE DI ATTRAZIONE

Ciao, sono Daniela Cavallini,

Autrice del libro in versione eBook: "La Mia Legge di Attrazione".

La-mia-legge-di-attrazione Ippocrate-1

Con questo ebook ho voluto costruire un mix di base, avvalendomi dei miei studi inerenti la Legge d’Attrazione con le molteplici teorie annesse e ho scritto per te, considerazioni ed esperienze mie, in merito alla possibilità di vivere una vita migliore. Alcune tecniche le ho sperimentate e posso dirti che mi sento meglio, molto meglio e questo spero succeda anche a te.

Ti offro così la possibilità di apprendere con un solo libro, l’essenza di anni di studio.

Tu crei con i tuoi pensieri la tua realtà e solo tu sei il creatore dei tuoi pensieri. Hai l’assoluta padronanza e responsabilità. Ne deriva dunque che la tua vita dipende dalla qualità dei tuoi pensieri. Quando ho appreso questa “informazione”, nell’ambito di un corso aziendale, il mio primo pensiero è stato: “io penso d’istinto, come faccio a controllare ciò che mi sorge spontaneo?” Ovviamente espressi la mia perplessità. Il docente (e amico) mi sorrise e mi disse “Daniela, chi è la padrona dei tuoi pensieri se non tu?” e mi consegnò una copia del video “The secret”, che vedemmo in aula con gli altri partecipanti.

Per essere sincera fui proprio io, presidente della mia azienda, ad organizzare il suddetto corso, concertando con il docente esclusivamente gli obiettivi (sostegno e motivazione dei collaboratori per meglio affrontare le difficoltà della crisi) privilegiando l’assoluta autonomia professionale del docente stesso relativamente ai contenuti e all’erogazione del programma

Nel pensare che aveva, sì ragione, in merito alla padronanza dei pensieri, ero comunque fermamente convinta che questa sessione formativa non solo non avrebbe avuto alcuna efficacia su di me, ma che stavo facendo perdere tempo prezioso anche ai miei collaboratori, i quali “subivano”, sorridendo, la mia decisione. Mi sono detta ”questa volta, Daniela, hai davvero toppato. Niente di male, capita”. Non ti ho ancora detto che io mi amo davvero tanto e mi perdono tutto. Avevo sì toppato, ma nell’avventatezza insita in un giudizio che corrispondeva al mio stato dell’io “genitoriale”, o meglio ad un pregiudizio o altro ancora, ma non certo alla realtà, considerando che giudicavo prima di conoscere

Se a questo punto della tua lettura hai la mia primaria sensazione “di rifiuto”, non posso che comprenderti, ma esortarti a proseguire. Se viceversa sei più possibilista e disponibile, in altri termini “ricettivo”, significa che innanzitutto sei più riflessivo (bravo!) di me, ma soprattutto che otterrai molto prima i risultati sperati. I risultati appariranno, così come è successo a me, compreso questo: essere letta da te in questo momento.

 

 

Daniela